Le risposte alle domande più frequenti

Scopri le risposte alle domande più frequenti poste alla nostra ginecologa.

Condividi

Perché un ciclo regolare diventa irregolare?

Il mio ciclo è sempre stato preciso, anche nella durata, ma da qualche mese arriva in ritardo e dura più giorni e proprio non capisco perché

Per chi è sempre stata precisa come un cronometro per tutta la vita, quando il ciclo diventa irregolare suona subito un campanello d’allarme. Cosa starà succedendo al mio corpo? Una routine ormai consolidata e data per scontata che viene interrotta può preoccupare, ma spesso non ci sono problemi gravi all’origine di questo. Le cause possono essere diverse ed è bene conoscerle tutte per escluderle o per procedere a ulteriori accertamenti medici.

Parliamo di un ciclo che all’improvviso inizia ad arrivare in anticipo o in ritardo rispetto al calendario, ma anche di un flusso che dura più giorni o meno giorni di quanto ha sempre fatto. Tutte queste sono comunque da considerarsi delle irregolarità. 

Ma cosa intendiamo per ciclo regolare? Il ciclo si calcola dal giorno in cui arrivano le mestruazioni fino all’arrivo delle successive. Un ciclo di 21-35 giorni viene considerato nella norma: ogni donna è una variabile e fa storia a sé. Lo stesso discorso vale per la durata del flusso, che può essere di soli 3 giorni oppure arrivare a un’intera settimana. 

Esiste un vocabolo per ogni irregolarità: si parla di polimenorrea quando le mestruazioni sono ravvicinate, di oligomenorrea quando si fanno più distanti una dall’altra. 

Ci si abitua al proprio calendario mestruale, poi all’improvviso arriva un cambiamento percepito come drastico. Ecco le possibili cause.

Ciclo irregolare: la prima cosa da considerare è l’età. Nell’adolescenza è un problema molto diffuso, in particolare nei primi due anni dalle prime mestruazioni, quando il corpo sta ancora cercando il suo “orologio”. L’inesperienza può portare a preoccupazioni davanti a un ciclo irregolare, ma in assenza di altri sintomi non serve preoccuparsi e bisogna solo portare pazienza. Per le donne che invece hanno superato i 40 anni di età un ciclo irregolare potrebbe essere un sintomo di menopausa in lento avvicinamento (che può significare anche anni prima della menopausa conclamata) e in questo caso il ciclo si fa solitamente più frequente. Quando invece si è ormai a ridosso della menopausa, immaginiamo una donna di 50 anni, il ciclo sarà sempre più lungo fino a sparire.

E le donne il cui ciclo diventa irregolare e che sono nell’età compresa tra la fine dell’adolescenza e la premenopausa? Loro, in particolare, devono prendere in considerazione tutte le potenziali cause non collegate all’età.

Ciclo irregolare: i motivi esterni e ambientali. In estate è più frequente che il ciclo diventi irregolare a causa delle temperature che si alzano, e questo vale anche nel momento del cambio di stagione (da quella fredda a quella calda e viceversa). 

Ciclo irregolare: i cambi di abitudini. È un periodo in cui soffri la mancanza di sonno, perché non hai tempo di dormire o non riesci a riposare come prima? Dormire bene e il giusto numero di ore è importante e condiziona tutto, comprese le mestruazioni! Hai seguito una dieta drastica e hai perso peso? Facevi sport e hai smesso? Nella tua vita è cambiato qualcosa e sei in un periodo di forte stress? Questi fattori possono condizionare la regolarità del ciclo e intervenire su di essi, tornando a uno stile di vita più sano e sereno, potrebbe far tornare anche le mestruazioni alla loro solita puntualità.

Ciclo irregolare: quando serve un’ecografia? Spesso la causa di un ciclo irregolare è l’ovaio policistico che interessa moltissime donne. Ci si deve rivolgere al ginecologo anche quando il ciclo diventa doloroso, o se comunque si hanno fitte o crampi anche al di fuori dai giorni delle mestruazioni. Ricordiamo che i sintomi insoliti vanno sempre comunicati! Per scongiurare invece che le cause siano di natura tiroidea, ci si rivolgerà a uno specialista in endocrinologia. Altra causa di un ciclo irregolare potrebbe essere un’endometriosi, una patologia cronica nella quale si presenteranno anche altri sintomi come diarrea, stipsi, presenza di sangue nelle feci o nelle urine e dolori, in particolare durante i rapporti sessuali

 

Cosa fare quindi se il ciclo diventa irregolare, devo preoccuparmi subito? È bene aspettare qualche mese prima di allarmarsi e rivolgersi al ginecologo, giusto per sincerarsi che non siano state cause temporanee (personali oppure ambientali) a interferire nella regolarità. Questo quando il solo sintomo sia appunto l’irregolarità del ciclo e non si accusino malesseri di altro tipo. 

Condividi

Le domande più frequenti

Torna su
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi