Le risposte alle domande più frequenti

Scopri le risposte alle domande più frequenti poste alla nostra ginecologa.

Condividi

Gli Ormoni

Una donna impara a convivere con i propri ormoni fin dall’adolescenza. In quel periodo, infatti, è facile che il sistema non sia ancora perfettamente funzionante e che l’equilibrio ormonale risulti ancora parzialmente sfasato.

La risposta della ginecologa

Una donna impara a convivere con i propri ormoni fin dall’adolescenza. In quel periodo, infatti, è facile che il sistema non sia ancora perfettamente funzionante e che l’equilibrio ormonale risulti ancora parzialmente sfasato.

Anche se in seguito la situazione si stabilizza, la donna viene spesso definita lunatica, detto che si riferisce sia al ciclo sia ai cambiamenti di stato d’animo che caratterizzano il ciclo mestruale. Infine, quando ci si avvicina alla menopausa spesso si dice che gli ormoni stiano letteralmente impazzendo.

Ma, visto che gli ormoni sono parte integrante dell’essere donne, non è bene imparare a conoscerli un po’ meglio?

La secrezione degli ormoni vengono regolate principalmente da due aree del cervello molto importanti: la ghiandola pituitaria e l’ipotalamo. Gli ormoni sono invece sostanze chimiche che agiscono come messaggeri all’interno del corpo, trasmettendo informazioni fondamentali da una parte all’altra.

Dall’interazione complessa tra i diversi ormoni ne vengono rilasciati due particolari, chiamati ovarici: l’estradiolo (un estrogeno) e il progesterone.

Entrambi hanno funzioni molto importanti all’interno del ciclo:

 

- L’estradiolo: stimola la maturazione dei follicoli e degli ovuli contenuti nell’ovaio, aiuta la costruzione dell’endometrio (il rivestimento dell’utero durante la gravidanza) e, all’interno della vagina modifica la composizione del muco uterino a seconda delle necessità.

 

- Il progesterone: garantisce che le ovaie siano pronte per la maturazione dell’ovulo fecondato ed è fondamentale durante la gravidanza. Come un perfetto ingranaggio, il progesterone svolge la sua funzione protettiva per una gravidanza, solo nel caso in cui anche l’estradiolo sia stato rilasciato e siano attivi in contemporanea.

Condividi

Le domande più frequenti

Torna su